PC lento: i miti da sfatare

Se ne sentono di tutti i colori quando un PC rallenta, è ora di sfatare qualche mito, anche perché molti utenti affidandosi al fai-da-te fanno più danni che altro! Troppe cose dentro il PC: Se uno non potesse salvare tutto ciò che vuole nel PC (nel limite della capacità ovviamente) sarebbe ridicolo. È sempre bene lasciare un paio di GB di spazio libero di emergenza perché il file di paging possa crescere abbondantemente senza intoppi, ma raramente il disco troppo pieno, finché non è pieno fino all’orlo, è la causa della lentezza. Inutile quindi cancellare cose utili solo per sperare che il PC diventi magicamente più veloce. Fra l’altro Windows avvisa quando la memoria virtuale è insufficiente. Se non abbiamo visto avvisi del genere, non c’è da preoccuparsi.
Un’eccezione è Windows Vista col suo vizio di indicizzare tutto. Ma suggerirei di disattivare l’indicizzazione piuttosto che eliminare i file!2)Troppi programmi installati: più veritiero, perché ogni programma installato aggiunge informazioni sul registro di Windows che di conseguenza cresce lentamente utilizzando il pc, così che quando il sistema deve andare a pescarci dentro qualcosa, ci mette tanto più tempo quanto grande è. Purtroppo vale un po’ lo stesso discorso di sopra: non dobbiamo rinunciare ai programmi che ci servono per la bella faccia di Windows! Fra l’altro disinstallando i programmi normalmente non si risolve nulla, perché il registro resta “sporco” anche da installazioni precedenti. Molto utile invece può essere cancellare qualche programma che resta caricato in memoria (di cui vediamo l’icona a destra nella barra delle applicazioni) e che non usiamo. Esempio tipico sono i programmi che ci rifilano coi cellulari o gli avvii automatici di Office e di Adobe: servono più a creare pesantezza che altro. Lo stesso vale per le varie “toolbar” che ci troviamo sui browser: un’inutile palla al piede.
Per guadagnare un po’ i velocità si può fare una deframmentazione del disco e una pulizia con programmi come CCleaner.

3)Fare pulizie frequenti con CCleaner risolverà tutto: purtroppo no! CCleaner può aiutare a fare pulizia ma non fa certo miracoli!

4)È colpa della linea lenta! A molti internauti questo potrebbe sembrare strano, ma è così: molti utenti ormai non capiscono la differenza fra ciò che sta sul proprio computer e ciò che sta sulla rete! Per come la penso io è un equivoco disastroso, ma fatto stà che esiste. Ora, se apriamo un sito e il caricamento è lento, potrebbe essere la linea, ma se il PC impiega 10 minuti ad aprire Office, certamente non c’entra.

Cosa fare allora?
Oltre ai consigli già dati, innanzitutto bisogna vedere di che PC si tratta: se avete ancora un Pentium 4 con 512MB di RAM il minimo che potete fare è aggiungere un po’ di RAM, almeno fino a 1GB. Nemmeno questo farà del vostro PC una scheggia, ma almeno vi darà un po’ di respiro. Se l’hardware è adeguato e i problemi persistono, allora si può procedere con una formattazione. Purtroppo Windows a volte ne ha bisogno, sia per la “sporcizia” che lasciano i programmi a forza di installarli e disinstallarli, sia perché è frequente che con l’uso Windows tenda a rallentare per i motivi più disparati. Se non siete esperti, comunque, affidatevi a qualcuno che sia capace o rischierete di perdere i vostri dati o causare malfunzionamenti!
Naturalmente nemmeno la formattazione può risolvere il problema: il consiglio migliore è sempre quello di far verificare il PC da un esperto. Se fosse rotto il disco per esempio, potreste perdere tempo utile a salvare i dati di cui non avete il backup.

Segnalatene altri se vi vengono in mente!

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *