Smart TV Thomson 32HE5606X1: recensione del prodotto

Per ben 7 anni non ho avuto la televisione in casa: dato che l’offerta televisiva classica non m’interessava, mi sono sempre arrangiato con le varie piattaforme video (streaming, on-demand) e i DVD su computer.
L’arrivo delle TV intelligenti ha cambiato le cose, permettendoci di continuare a guardare quello che più ci piace su Internet seduti comodi sul divano senza la necessità di assemblare per questo un media center da connettere al televisore. L’ultimo Cyber Monday dunque ho approfittato di un’offerta per comprare una di queste famose Smart TV.

Essendo un novello in questo campo sono stato a lungo indeciso sul modello da comprare. Sarei stato curioso di provare il sistema WebOS di LG ma non si capisce bene come sia messo quanto a dotazione software. Ho quindi puntato su una AndroidTV e la scelta è caduta su questo particolare modello perché aveva tutto ciò che cercavo ad un prezzo ragionevole.

Caratteristiche

Si tratta di un televisore LED da 32″ HD Ready. Niente che possa interessare gli appassionati, quindi, ma completo di tutto ciò che può volere un telespettatore medio. L’apparecchio riceve la TV analogica, digitale terrestre e satellitare, con supporto ai protocolli DVB-T, DVB-T2 (H.264 e H.265), DVB-C, DVB-S e DVB-S2.
Non mancano le connessioni USB, HDMI, cuffia, audio digitale/ottica e composita per i dispositivi più attempati.
Sul fronte “Smart” abbiamo la connettività Wi-Fi, Bluetooth e (fortunatamente) Ethernet 10/100Mbps.
Lo spazio d’archiviazione a disposizione è poco, solo 4,5Gb, e non c’è possibilità di aggiungere memorie SD.

Il software comprende Android 10, l’assistente Google ed una dotazione di applicazioni fra cui Assistente Google, Netflix, YouTube, Disney+, Prime e Google Play che permette di cercarne delle altre. Non convince molto il browser preinstallato e speravo in una scelta più vasta, visto che il sistema è largamente diffuso, ma mi arrangio abbastanza bene con Puffin Web Browser. Non so ancora se installare Firefox via pacchetto sia una buona idea, ma proverò.

Esperienza d’uso

È stato fatto molto per rendere la TV semplice da utilizzare, dall’intuitivo menù organizzato a “piastrelle” alla configurazione guidata iniziale che si occupa fra l’altro della ricerca dei canali.
L’avvio iniziale del sistema richiede qualche secondo in più dell’accensione da stand-by ma è il prezzo che si paga per la scelta ambientalista (e di sicurezza) di staccare la spina durante la notte.
Il telecomando, in aggiunta ai pulsanti classici, è orientato in particolar modo a Netflix, dato che include il bottone apposito per avviarlo, quello per la traccia sonora, per i sottotitoli e i vari controlli per la riproduzione del video.
La velocità di risposta ai comandi non è eccellente ma buona ed in compenso gli altoparlanti integrati sono al di sopra della media, senza quel fastidioso eccesso di frequenze alte comune ai modelli di TV più sottili ed in particolare a quelli di fascia bassa. Ad ogni modo, chi ama un suono pieno e ricco di frequenze medio-basse dovrà rassegnarsi a comprare con qualsiasi modello di TV una barra sonora o, meglio, un impianto Dolby.
Una nota decisamente negativa va al fatto che manca il supporto per il montaggio delle chiavette USB, dal momento che speravo di potermi godere qualche film che ho in casa senza dover collegare altri apparecchi.
Non posso dire niente sulla qualità del microfono per l’assistente vocale perché non lo uso. Preferisco collegare mouse e tastiera senza fili.

Connettività

L’argomento merita un paragrafo a parte. Inizialmente mi sono limitato ad inserire la password del WiFi e la cosa ha funzionato abbastanza bene, a parte qualche occasionale interruzione dello streaming su Netflix, che per quanto ne sapevo poteva essere dovuta ad un loro disservizio o a qualche sovraccarico della rete. Tutto è divenuto più complicato quando ho deciso di provare Disney+, perché si sono verificati dei problemi molto fastidiosi. Innanzitutto mi chiedeva spesso di reinserire la password, specialmente se spegnevo la TV senza chiudere l’applicazione. Molto spesso il video s’interrompeva, si rifiutava di ripartire e passando di nuovo a Netflix non riuscivo comunque a caricare niente se non riavviavo il sistema. Quando ho capito che si trattava di un problema di connessione ho provato a spegnere il WiFi e collegare la TV al router con un cavo. Il caricamento funzionava decisamente meglio, ma c’era un nuovo problema: all’accensione il sistema non si connetteva automaticamente, costringendomi a staccare e riattaccare il cavo. Decisamente fastidioso. L’ultimo tentativo prima di rassegnarmi è stato impostare un indirizzo IP statico e questo ha risolto tutto; la TV ora è già connessa a Internet all’accensione e il video non si blocca più. L’ho detto varie volte e non mi stancherò di ripeterlo: il cavo rimane la soluzione più efficiente per la connessione alla rete e, se il tema vi preoccupa, vi risparmia un bel po’ d’inquinamento elettromagnetico (elettrosmog).

Conclusioni

Consiglio questa TV solo a chi ha pochissime pretese, mentre non è nemmeno da considerare se film e serie sono la vostra passione, perché potreste trovare il modello molto limitato. Mi preoccupa un po’ il tema della connessione, perché utenti inesperti potrebbero trovarsi in difficoltà. Suppongo però che se siete capaci di configurare il WiFi non avrete difficoltà a collegare un cavo ed inserire anche un indirizzo IP, altrimenti presumibilmente vi aiuterà qualcuno.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.